CINEMA E TV

Hereafter di Clint Eastwood: il “qui” e il “dopo”, filmati con garbo

19/01/2012

Dalla sua uscita, circa Hereafter di Clint Eastwood, sono state pubblicate numerose critiche entusiastiche. Intere paginate di giornale per incensare questo film che – a detta dei più – ci fa riflettere su chi siamo, su dove andremo, sulla spiritualità, sul senso dell’esistenza. Le proverbiali “grandi domande”, insomma!

Ebbene, è vero: Hereafter è un film dalle notevoli ambizioni. Ed è, diciamolo subito, un buon film, anche perché da Eastwood è difficile che arrivi qualcosa di cattivo. Sì, Invictus (2009) è per certi aspetti deludente, troppo agiografico, e infatti se ne è parlato un po’ meno rispetto ad altre opere. Ma che Eastwood, dall’alto della sua esperienza e disponendo ormai di uno stile consolidato, asciutto come nessun altro e narrativamente solidissimo, proponga cattivo cinema, è cosa francamente da escludere.

Che film è, dunque, Hereafter? Né capolavoro né bluff, è il film di un regista ormai più che maturo, che può permettersi di scomodare grandi temi e di sollevare domande di enorme portata sulla Vita e sulla Morte, senza doversi abbassare ad adottare uno stile barocco e sovraesposto (tanti gli esempi che si potrebbero fare, dall’inguardabile Al di là dei sogni [Ward, 1998] al prolisso Vi presento Joe Black [Brest, 1998], a dimostrazione che simili tematiche non sono mai facili da affrontare. Nota di merito, però, allo scorsesiano Al di là della vita [1999], gioiello da non dimenticare!).

In fondo, però, già l’Eastwood di Mystic River (2003) e Million Dollar Baby (2004) affrontava interrogativi colossali sull’Uomo e sulla Vita. In Hereafter, il regista si misura con una forma di narrazione quasi altmaniana, a storie incrociate: la vicenda di una giornalista francese scampata ad uno tsunami nel Pacifico e di un bambino che ha perso il fratello gemello si saldano con quella di un ex-veggente (Matt Damon) che non riesce a convivere col “dono” di vedere l’aldilà delle persone, e cerca solo una vita normale. Secondo il suo stile piano e disteso, nitido, Eastwood incrocia le tre vicende costruendo una narrazione accurata, procedendo per grandi blocchi, che apparentemente non avvicinano i personaggi fino al finale che li riunisce a Londra.

A saldare le tre vicende è ancora una volta, come sempre nello stile sobrio di Eastwood, il non detto, l’accennato, il suggerito; ovvero, il mistero fondamentalmente non indagabile di quell’esperienza, la morte, che ci attende tutti, e della fatale casualità con la quale essa si presenta.

La grande tematica, eterna e comune a letteratura, filosofia, matematica, fisica, cinema e chi più ne ha più ne metta, è la ricerca di un senso, vero motore concettuale dell’essere umano.

Eastwood è bravissimo a porre domande senza fabbricare facili risposte, è magistrale nel mostrare come la morte riguardi non solo chi se ne va, ma anche chi resta, e deve confrontarsi con la perdita e con il senso di vuoto ad essa conseguente; peccato solo per quella sciagurata idea di dare corpo (visivo) all’arte divinatoria del veggente Damon, con dei flashback deludenti e banalizzanti che non aggiungono nulla alla profondità della trattazione e – ancora una volta – alla leggerezza del tocco.   

 

Matteo Fontana

(da "La lanterna di Born" n.7 - gennaio 2012)

 

 
ALTRI ARTICOLI
14/05/2013

Dexter: il trionfo del politicamente scorretto! O no?

Pochi serial riescono ad ironizzare sulle convenzioni sociali come Dexter, sto...

25/02/2013

ACADEMY AWARDS 2013

L'anno dei "bis"! E anche dei "tris"...

Ieri notte a Los Angeles sono stati assegnati gli Oscar 2013. L'Oscar ...

01/02/2013

The Shield

Ambiguità ed (impossibile) equilibrio del potere

Con The Shield – serial creato da Shawn Ryan nel 2002 e conclusosi dopo ...

18/01/2013

The Closer

"Giallo slapstick" in attesa dello spin off

The Closer dovrebbe concludersi con la settima stagione, come da accordi con l...

30/11/2012

The Mentalist, il fascino dei prestigiatori

Continuando la nostra ricognizione tra i serial del momento, ci imbattiamo in The M...

13/11/2012

Human Target, un bel gioco durato poco

Non era niente di straordinario, Human Target, intendiamoci. Una onesta serie ...

26/09/2012

LAST COP

Peccato, un’occasione sprecata

Rai Uno ha appena finito di trasmettere la prima stagione di Last Cop, serie t...

15/06/2012

Il "romanzo civile" di Marco Tullio Giordana

Premessa doverosa: in quest’articolo si eviterà di considerare l’asp...

28/02/2012

Oscar 2012, trionfo francese con "The Artist"

E’ dunque The Artist il vero trionfatore dell’edizione 2012 degli ...

16/02/2012

“Shame”, classico film da Toronto Film Festival

Ci sono dei festival che identificano un brand, per usare un termine del marke...

27/01/2012

“The Artist”, omaggio ad un mondo (e ad un cinema) che fu

Non si può, da cinefili, non guardare con simpatia ad un film come “The Ar...

19/01/2012

Hereafter di Clint Eastwood: il “qui” e il “dopo”, filmati con garbo

Dalla sua uscita, circa Hereafter di Clint Eastwood, sono state pubblicate num...

11/10/2011

Crialese per gli Oscar: giusto o sbagliato?

Il 28 settembre la Commissione di Selezione dell’Anica ha annunciato la candidatu...

12/09/2011

Il trionfo di Sokurov a Venezia

La sessantottesima edizione del Festival del Cinema di Venezia si è conclusa con...

Video.it, Il Portale Italiano del Video professionale dal 1996 - © tutti i diritti sono riservati - Partita Iva: 05832310764
facebook