CINEMA E TV

Oscar 2012, trionfo francese con "The Artist"

28/02/2012

E’ dunque The Artist il vero trionfatore dell’edizione 2012 degli Academy Awards, per gli amici “Oscar”. Il più nominato Hugo Cabret di Martin Scorsese raccoglie, è vero, lo stesso numero complessivo di statuette rispetto al film di Hazanavicius (cinque), ma non nascondiamo che le statuette più importanti (Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Attore Protagonista, il bravissimo Jean Dujardin) sono andate a The Artist. Il film di Scorsese ha raccolto i prestigiosi premi per la Migliore Fotografia (Robert Richardson) e per le scenografie (premio “italiano”, a Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo).

Tra gli altri premiati, da segnalare indubbiamente l’eterna Meryl Streep (Migliore Attrice Protagonista per la sua incredibilmente mimetica interpretazione di Margaret Thatcher in The Iron Lady) e il più anziano premiato di sempre tra gli attori, l’ottantaduenne Christopher Plummer. In bianco sono andati alcuni tra i grandi nomi di questa edizione degli Oscar, in primis George Clooney e Brad Pitt, oltre appunto a Martin Scorsese tra i registi.

Da segnalare l’Oscar al sempre grande Woody Allen per la Migliore Sceneggiatura Originale (Midnight in Paris). Woody, peraltro, in ossequio al suo “credo” newyorchese, non era presente alle cerimonia di consegna dei premi.

Ma allora, quale il bilancio definitivo di questa Notte degli Oscar 2012? Che si ami o meno la prosopopea di una cerimonia che, per certi aspetti, è indubbiamente stucchevole, e per altri malriuscita (pessimi, a detta di tanti, i siparietti di Sacha Baron-Cohen, presentatosi nei panni dell’improbabile dittatore del suo ultimo film), resta il fatto che gli Academy Awards sono i più importanti premi cinematografici del mondo, e non mancano mai di segnare profondamente il destino dei film e delle personalità premiati. The Artist (ne parlammo proprio in questa sezione del nostro sito giusto qualche settimana fa!) è indubbiamente un ottimo film, un sentito omaggio al cinema delle origini. Ma anche Hugo Cabret è un omaggio agli albori del cinema, realizzato peraltro in 3D, quasi a voler raccordare il passato lontano lontano del cinema con il suo presente tecnologico e in continuo aggiornamento. Allora, possiamo dire che il filo conduttore di quest’anno, agli Oscar, è stato proprio…il cinema, inteso come riflessione/rievocazione sul linguaggio delle immagini. Come se il continuo spostamento in avanti delle frontiere della tecnica e degli effetti speciali avesse portato i registi (e nella fattispecie Hazanavicius e Scorsese) a riflettere sul passato, sugli esordi, su un cinema dolce e sorprendente che non c’è più, ma che merita – eccome! – di essere ricordato e rievocato, anche scherzosamente, ma non senza una lacrimuccia (sincera) di nostalgia.

Un Oscar nostalgico, dunque, con la lacrimuccia all’angolo dell’occhio, anche se subito scacciata – ma questo va da sé – dallo sfarzo e dalla spettacolarità della serata.    

 

 

 
ALTRI ARTICOLI
14/05/2013

Dexter: il trionfo del politicamente scorretto! O no?

Pochi serial riescono ad ironizzare sulle convenzioni sociali come Dexter, sto...

25/02/2013

ACADEMY AWARDS 2013

L'anno dei "bis"! E anche dei "tris"...

Ieri notte a Los Angeles sono stati assegnati gli Oscar 2013. L'Oscar ...

01/02/2013

The Shield

Ambiguità ed (impossibile) equilibrio del potere

Con The Shield – serial creato da Shawn Ryan nel 2002 e conclusosi dopo ...

18/01/2013

The Closer

"Giallo slapstick" in attesa dello spin off

The Closer dovrebbe concludersi con la settima stagione, come da accordi con l...

30/11/2012

The Mentalist, il fascino dei prestigiatori

Continuando la nostra ricognizione tra i serial del momento, ci imbattiamo in The M...

13/11/2012

Human Target, un bel gioco durato poco

Non era niente di straordinario, Human Target, intendiamoci. Una onesta serie ...

26/09/2012

LAST COP

Peccato, un’occasione sprecata

Rai Uno ha appena finito di trasmettere la prima stagione di Last Cop, serie t...

15/06/2012

Il "romanzo civile" di Marco Tullio Giordana

Premessa doverosa: in quest’articolo si eviterà di considerare l’asp...

28/02/2012

Oscar 2012, trionfo francese con "The Artist"

E’ dunque The Artist il vero trionfatore dell’edizione 2012 degli ...

16/02/2012

“Shame”, classico film da Toronto Film Festival

Ci sono dei festival che identificano un brand, per usare un termine del marke...

27/01/2012

“The Artist”, omaggio ad un mondo (e ad un cinema) che fu

Non si può, da cinefili, non guardare con simpatia ad un film come “The Ar...

19/01/2012

Hereafter di Clint Eastwood: il “qui” e il “dopo”, filmati con garbo

Dalla sua uscita, circa Hereafter di Clint Eastwood, sono state pubblicate num...

11/10/2011

Crialese per gli Oscar: giusto o sbagliato?

Il 28 settembre la Commissione di Selezione dell’Anica ha annunciato la candidatu...

12/09/2011

Il trionfo di Sokurov a Venezia

La sessantottesima edizione del Festival del Cinema di Venezia si è conclusa con...

Video.it, Il Portale Italiano del Video professionale dal 1996 - © tutti i diritti sono riservati - Partita Iva: 05832310764
facebook