CINEMA E TV

LAST COP

Peccato, un’occasione sprecata

26/09/2012

Rai Uno ha appena finito di trasmettere la prima stagione di Last Cop, serie tedesca (titolo originale: Der letzte Bulle) che in Germania è già arrivata alla terza stagione, con la quarta in cantiere. Un buon successo oltralpe, dunque. La domanda è: ha fatto bene la Rai ad investire su una serie straniera, e in particolare tedesca? D’acchito, vien da dire sì: i tedeschi hanno partorito, negli ultimi decenni, alcuni dei telefilm e serial polizischi più riusciti, dall’inossidabile Ispettore Derrick al Commissario Koester, da Siska a Wolff, un poliziotto a Berlino, passando per l’interessante esperimento (non riuscito) di Schimanski. Dunque, dal punto di vista della prolificità i tedeschi, sul genere poliziesco, sono una garanzia. Oltretutto va da sé che, vista la povertà del panorama produttivo italiano (pietoso velo sui vari Carabinieri, Distretto di Polizia, La Squadra et similia…), non appare sbagliato importare buone serie poliziesche dall’estero. Gli USA sono e restano i primi fornitori: CSI (peraltro di qualità discutibile, perlomeno sul lato trame!), Criminal Intent, The Closer, The Mentalist, Cold Case… solo per citare qualche titolo! La Germania si riaffaccia appunto con questo Last Cop, che però – a conti fatti – ha finito per deludere le aspettative. Perchè? Presto detto! Ecco in breve la trama del serial: il commissario Mick Brisgau della Polizia di Essen finisce in coma negli anni Ottanta in seguito ad un colpo alla testa. Si risveglia dopo vent’anni e riprende servizio come nulla fosse. Ovviamente la realtà attorno a lui è cambiata radicalmente ed egli dovrà fare i conti con un mondo che non riconoscerà più, sia per quanto riguarda le persone che la tecnologia.

Ora: se si decide di costruire una serie poliziesca su semplici e oneste trame gialle (com’era il caso di Derrick, non particolarmente emozionante, ma efficace), nessun problema; ma se si decide di partire da una premessa “forte” come i vent’anni di coma del protagonista, non si può limitare il tutto a 5 minuti! Perchè tanto passa da quando Mick si risveglia a quando riprende servizio! Di conseguenza, il bello spunto (osservare le immense differenze tra gli anni Ottanta e oggi) viene banalizzato e svilito, e ciò che resta è giusto la bella faccia guascona di Henning Baum, perfetto per la parte. Il resto è davvero poca cosa, e lascia la sensazione – assai fastidiosa – di un’occasione sprecata.   

 

 
ALTRI ARTICOLI
14/05/2013

Dexter: il trionfo del politicamente scorretto! O no?

Pochi serial riescono ad ironizzare sulle convenzioni sociali come Dexter, sto...

25/02/2013

ACADEMY AWARDS 2013

L'anno dei "bis"! E anche dei "tris"...

Ieri notte a Los Angeles sono stati assegnati gli Oscar 2013. L'Oscar ...

01/02/2013

The Shield

Ambiguità ed (impossibile) equilibrio del potere

Con The Shield – serial creato da Shawn Ryan nel 2002 e conclusosi dopo ...

18/01/2013

The Closer

"Giallo slapstick" in attesa dello spin off

The Closer dovrebbe concludersi con la settima stagione, come da accordi con l...

30/11/2012

The Mentalist, il fascino dei prestigiatori

Continuando la nostra ricognizione tra i serial del momento, ci imbattiamo in The M...

13/11/2012

Human Target, un bel gioco durato poco

Non era niente di straordinario, Human Target, intendiamoci. Una onesta serie ...

26/09/2012

LAST COP

Peccato, un’occasione sprecata

Rai Uno ha appena finito di trasmettere la prima stagione di Last Cop, serie t...

15/06/2012

Il "romanzo civile" di Marco Tullio Giordana

Premessa doverosa: in quest’articolo si eviterà di considerare l’asp...

28/02/2012

Oscar 2012, trionfo francese con "The Artist"

E’ dunque The Artist il vero trionfatore dell’edizione 2012 degli ...

16/02/2012

“Shame”, classico film da Toronto Film Festival

Ci sono dei festival che identificano un brand, per usare un termine del marke...

27/01/2012

“The Artist”, omaggio ad un mondo (e ad un cinema) che fu

Non si può, da cinefili, non guardare con simpatia ad un film come “The Ar...

19/01/2012

Hereafter di Clint Eastwood: il “qui” e il “dopo”, filmati con garbo

Dalla sua uscita, circa Hereafter di Clint Eastwood, sono state pubblicate num...

11/10/2011

Crialese per gli Oscar: giusto o sbagliato?

Il 28 settembre la Commissione di Selezione dell’Anica ha annunciato la candidatu...

12/09/2011

Il trionfo di Sokurov a Venezia

La sessantottesima edizione del Festival del Cinema di Venezia si è conclusa con...

Video.it, Il Portale Italiano del Video professionale dal 1996 - © tutti i diritti sono riservati - Partita Iva: 05832310764
facebook